Le primizie vendute all'asta in Giappone

Pubblicato //
"Prendiamo pure due meloni, dai"
"Quant'è?"
"24.000 euro".
Questo è ciò che accade, più o meno, in Giappone dove la frutta costa cifre proibitive e le primizie vengono vendute all'asta. 
La corporazione degli agricoltori è potentissima: forte serbatoio di voti per il governo di centro-destra e strumento di lobbying parlamentare tra i più solidi da 60 anni, ha impedito da sempre di frutta dall'estero, che arriverebbe sul mercato a prezzi accessibili a tutti. Il risultato è che la corporazione degli agricoltori può vendere i propri prodotti con prezzi monopolista criminale.
[Continua a leggere]

Quello che pensiamo e scriviamo nei social

Pubblicato //
Leggo delle vicende su Facebook del pessimo Gabriele Muccino e mi dico: inutile resistere, perché dai social network non si torna indietro. Difficile mettere qualcuno "a tacere" come forse auspicava Eco quando parlava di "legioni di imbecilli" sui social media. Non succederà.

Qui c'è una modalità "nuova" di comunicazione che travolge tutto e tutti: la politica (vedi i partiti tipo M5S, che sui social crescono e si arricchiscono col clickbait, mentre altri perdono elettori e ne vengono distrutti), la cultura e i media (oggi per la Tv conta più quanto ti hanno twittato, non quanti ti hanno effettivamente visto) e gli aspetti personali di ognuno di noi (gli amici che ti leggono, i conoscenti che non vedono le tue foto ma leggono ciò che dici, il personal branding, etc.)

Con i social media si è costruito qualcosa che è molto vicino alla telepatia globale: con un pezzo di plastica in mano, io ti comunico quello che penso anche se mi trovo a migliaia di chilometri. Te lo comunico in tempo pressoché reale. Oltre a me, ti può arrivare il pensiero di altre migliaia di persone. Tutti contemporaneamente. E noi, questa roba qua, non la sappiamo ancora gestire.

L'opinione della gggente è un bel casino. Messe tutte insieme, poi, nello spazio di un post commentato, capisci che queste idee ed opinioni sono per la maggior parte immondizia. E c'è poco da fare, questa è la realtà umana finalmente rilevata dal virtual space: quello che scriviamo spontaneamente sui social media ci dimostra che tutti noi, chi più e chi meno, pensiamo cazzate dalla mattina alla sera. Roba inutile. Fuffa, altro che pensiero superiore.

Ma quale superiorità dell'essere umano, ma quale specie animale al vertice della piramide: la mia gatta, che pensa ai croccantini, a pisciare e a dormire tutto il giorno, fa pensieri sicuramente migliori dei miei. E dei tuoi.


[Continua a leggere]

Nel Giappone della Abenomics le aziende non investono sulle donne

Pubblicato //
Una iniziativa di politica attiva a favore delle donne, indetta lo scorso anno dal governo giapponese di Shinzo Abe, è andata completamente fallita: su 900.000 euro di contributi disponibili, neppure una azienda ne ha fatto richiesta.

Eppure lo slogan lanciato dal primo ministro giapponese Shinzo Abe alla conferenza delle donne imprenditrici del luglio 2013 era accattivante ed aveva conquistato i titoli dei giornali: creiamo una società nella quale “tutte le donne possono brillare”, aveva detto Abe nel nome della womenomics. Un piano con un obiettivo preciso e, lo si poteva intuire, decisamente ambizioso: assicurarsi che il 30% delle posizioni manageriali in Giappone fosse occupato da donne entro il 2020 ed accrescere la partecipazione femminile al mercato del lavoro, assicurandosi così la crescita fino al 15% del prodotto interno lordo, secondo una stima di Goldman Sachs.

A Settembre era in effetti partito un piano di piccole e grandi riforme, a partire da un intervento sul sistema di tassazione destinato alle coppie sposate (un sistema introdotto negli anni ’60 che garantiva ampie riduzioni fiscali alle famiglie monoreddito incoraggiando così le donne a restare a casa) e passando per una serie di iniziative di welfare aziendale, come la creazione di asili nido e sussidi per le donne con lavori precari che vogliono rientrare nel mercato del lavoro dopo una gravidanza. Tra le iniziative, quella più simbolica ma allo stesso tempo significativa prometteva alle aziende una sovvenzione di 300,000 yen (poco più di 2200 euro) per ogni donna coinvolta in piani di formazione mirati a posizioni senior all’interno della azienda e che ne consentissero il raggiungimento automatico di un significativo progresso di carriera nell’organigramma aziendale. Si trattava di una piccola agevolazione per aiutare le donne a sfondare il famigerato “soffitto di vetro”. L’espressione, inventata negli anni 80 alla Hewlett Packard, indica quella invisibile barriera che impedisce alle donne di raggiungere le posizioni di vertice, quelle più “in alto”, nel proprio contesto lavorativo a causa di processi di discriminazione e sessismo, ma anche per auto-esclusione e scarse competenze professionali.

L’iniziativa però non ha funzionato, nonostante la pressione mediatica e politica delle iniziative della “Abenomics” sulle aziende giapponesi. Nessuna azienda ha scelto di partecipare, nessuna ha fatto richiesta delle sovvenzioni e nessuna donna è stata “formata” per conquistarsi un ruolo più dirigenziale in azienda: qualcuno lamenta che 2200 euro di sovvenzione per ogni donna coinvolta in percorsi formativi fossero pochi, altri sono pronti a giurare che sono state le donne lavoratrici a non essere interessate. Il risultato è che il budget messo a disposizione dal governo di circa 900.000 euro non è stato utilizzato da nessuno, le altre iniziative messe in piedi dal governo Abe arrancano e che il traguardo del 30% entro il 2020 si dimostra sempre di più un sogno irrealizzabile.

La realtà è che non è facile sradicare convinzioni e tradizioni in terra giapponese, dove sono proprio le donne a tenere in piedi il welfare di tutto il Paese – dall'assistenza ai genitori anziani alla custodia dei figli - e nessuno vede realmente di buon occhio un loro maggiore ingresso nel mercato del lavoro.

Fonte: JapanTimes / AFP

Foto su licenza Creative Commons - https://flic.kr/p/aYf67n
[Continua a leggere]

Se il Giappone stravolge la propria Costituzione

Pubblicato //
Manifestazione Giapponese Art. 9
Il Governo Abe sta riuscendo in una impresa impossibile: quella di modificare l'Art. 9, quella con il quale il popolo giapponese ha rinunciato per sempre alla guerra. Un buon articolo ne parla su Internazionale.
[Continua a leggere]